Danni di guerra

A partire dal 1944, il comune di Piacenza inizia a regolamentare i risarcimenti alla popolazione danneggiata dalle Forze Armate Tedesche. Si cerca, inoltre, di riportare la normalità nei comuni liberati dai partigiani, anche se molte scuole rimangono inaccessibili a causa dello stanziamento nei locali scolastici di truppe di passaggio.

anno

circolare

1944

24/06/1944: il risarcimento dei danni causati alla popolazione italiana dalle Forze Armate Tedesche può avvenire solo se le azioni sono state compiute da soldati fuori servizio, in quanto non necessarie e giustificate dalla guerra. Il risarcimento avviene anche nel caso in cui i beni confiscati siano di natura economica e non militare.


19/12/1944: ripristino della normalità nei comuni liberati dai partigiani. Gli ispettori devono fare il punto della situazione e dovranno richiedere dagli insegnanti una relazione sullo stato effettivo delle scuole. Nel caso in cui le scuole siano ancora occupate da truppe di passaggio, si dovrà provvedere a cercare dei locali di fortuna. Si potrà, così, ricorrere a orari alternativi per garantire ordine e continuità.