Liceo Gioia 1935-1945 – il progetto

Il progetto

previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow
Shadow
Slider

Dopo una ricognizione dell’archivio scolastico negli anni 1935-1945 e l’esame di materiale presente all’Archivio di Stato di Piacenza, sono stati digitalizzati numerosi documenti che vengono resi fruibili per la cittadinanza.

A questo materiale si sono inoltre aggiunti il lavoro “La scuola in guerra” dell’a.s. 2014/15, inerente la situazione della scuola durante la Seconda Guerra mondiale, e gli approfondimenti dal titolo “Le leggi razziali in Italia: il caso della fisica” e “Il carteggio di Carlo e Gaetano Signorelli”.

Entra nelle pagine dedicate al progetto

Partecipanti al progetto

Docenti del liceo “M. Gioia”: Cristina Bonelli, Elena Gabbiani, Matteo Sozzi, Lucia Vaienti, Manuela Veneziani

Archivisti dell’Archivio di Stato di Piacenza: Gian Paolo Bulla, Sara Fava, Anna Riva.

Alunni del liceo “M. Gioia” anno scolastico 2020/21:

5AC: Alice Gogni, Giorgio Guagnini, Sebastiano Michele Labò, Francesca Sabia (Le circolari dell’anno 1939)

5BC: Giorgia Berri, Giacomo Bignami, Francesca Capannini, Camilla Nani, Daniela Tanzi (La scuola come luogo e strumento di propaganda), Aurora Belleri, Maria Elena Conta, Aronne Ghidoni, Marco Maiello, Caterina Tagliaferri (Le leggi razziste a scuola), Giacomo Bignami (Intervista a un testimone: don Luigi Muratori)

5AS: Daniele Mazzocchi, Maddalena Cabras, Edoardo Bongiorni, Giacomo De Bè (Piacenza 1938-1939 dal quotidiano piacentino La Scure)

5CL: Camilla Dagradi, Carolina Peretti, Miriam Ronda, Carlotta Sebastiani, Aleksandra Shella, Federica Vespertino (Il caso della studentessa Emilia Bertel, Il caso della professoressa Lea Scandiani)