Homepage

Il liceo statale “M. Gioia” possiede un archivio storico con numerosi documenti che riguardano alunni, insegnanti, registri, circolari ministeriali, corrispondenza e materiale vario. Grazie al Concorso di idee “Io Amo i Beni Culturali – IX edizione” si è iniziato a valorizzare e rendere fruibile tale documentazione.

Archivio Liceo Gioia: work in progress

previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow
Shadow
Slider

Liceo Gioia 1935-1945 – il progetto

Il progetto

previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow
Shadow
Slider

Dopo una ricognizione dell’archivio scolastico negli anni 1935-1945 e l’esame di materiale presente all’Archivio di Stato di Piacenza, sono stati digitalizzati numerosi documenti che vengono resi fruibili per la cittadinanza.

A questo materiale si sono inoltre aggiunti il lavoro “La scuola in guerra” dell’a.s. 2014/15, inerente la situazione della scuola durante la Seconda Guerra mondiale, e gli approfondimenti dal titolo “Le leggi razziali in Italia: il caso della fisica” e “Il carteggio di Carlo e Gaetano Signorelli”.

Entra nelle pagine dedicate al progetto

Partecipanti al progetto

Docenti del liceo “M. Gioia”: Cristina Bonelli, Elena Gabbiani, Matteo Sozzi, Lucia Vaienti, Manuela Veneziani

Archivisti dell’Archivio di Stato di Piacenza: Gian Paolo Bulla, Sara Fava, Anna Riva.

Alunni del liceo “M. Gioia” anno scolastico 2020/21:

5AC: Alice Gogni, Giorgio Guagnini, Sebastiano Michele Labò, Francesca Sabia (Le circolari dell’anno 1939)

5BC: Giorgia Berri, Giacomo Bignami, Francesca Capannini, Camilla Nani, Daniela Tanzi (La scuola come luogo e strumento di propaganda), Aurora Belleri, Maria Elena Conta, Aronne Ghidoni, Marco Maiello, Caterina Tagliaferri (Le leggi razziste a scuola), Giacomo Bignami (Intervista a un testimone: don Luigi Muratori)

5AS: Daniele Mazzocchi, Maddalena Cabras, Edoardo Bongiorni, Giacomo De Bè (Piacenza 1938-1939 dal quotidiano piacentino La Scure)

5CL: Camilla Dagradi, Carolina Peretti, Miriam Ronda, Carlotta Sebastiani, Aleksandra Shella, Federica Vespertino (Il caso della studentessa Emilia Bertel, Il caso della professoressa Lea Scandiani)

La scuola in guerra – il progetto

A scuola in guerra: la situazione delle scuole della città di Piacenza durante la Seconda Guerra Mondiale (1940-1945)

Nell’anno scolastico 2014/2015 la classe 3G scientifico ha intrapreso una delle attività laboratoriali presentate tra le proposte didattiche dell’Archivio di Stato di Piacenza, intitolata A scuola in guerra: la situazione delle scuole della città di Piacenza dal 9 settembre 1943 al 28 aprile 1945. Gli studenti, guidati nella ricerca dalle docenti Valeria Caponetti e Lucia Vaienti, hanno consultato registri e circolari conservati nell’archivio del liceo “M. Gioia” e individuato alcuni ambiti tematici particolarmente significativi e rappresentativi dei vari aspetti della vita scolastica negli anni della Seconda Guerra Mondiale. I limiti cronologici suggeriti dalla proposta dell’Archivio sono stati modificati fino a comprendere l’intero quinquennio della Seconda Guerra Mondiale, dal 1940 al 1945. Per questo motivo si è reso necessario proseguire l’attività laboratoriale anche nell’anno scolastico 2015/2016.

Le archiviste: Paola Agostinelli, Valentina Inzani, Anna Riva.

Gli studenti della classe: Andolfo Tabitha, Baffari Alice, Baldini Francesco, Bergonzi Cristina, Cocconcelli Maria, Cordera Alessandro, De Donato Andrea, Facchinetti Matilde, Ferrari Martina, Galli Francesco, Garibaldi Nicola, Gemelli Samuele, Ghizzoni Lucia, Hoxha Hafize, Leonardi Francesco, Maffi Luca, Mariani Sofia, Mazzoni Camilla, Morlacchini Giorgio, Paradiso Martina, Ramelli Luca, Salice Elena, Sordi Matteo, Tagliaferri Andrea, Vecchi Giulia, Zambelli Riccardo.